Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Richiesta arruolamento -calcioscacchi-
Ven 14 Giu - 10:44:12 Da calcioscacchi

» MI DICONO CHE!
Lun 3 Dic - 5:45:09 Da mapez_94

» DA VEDERE assolutamente
Lun 3 Dic - 5:39:09 Da mapez_94

» la spesa dei moderni
Mar 31 Lug - 20:16:46 Da blackburn_ita

» sanremo i soliti idioti
Mar 31 Lug - 19:33:53 Da blackburn_ita

» inseguimento smmart nera
Mar 31 Lug - 19:13:01 Da blackburn_ita

» mi fai muro
Mar 31 Lug - 19:09:53 Da blackburn_ita

» er fiodena
Mar 31 Lug - 19:07:12 Da blackburn_ita

» i soliti idioti
Mar 31 Lug - 18:54:09 Da blackburn_ita

Novembre 2018
LunMarMerGioVenSabDom
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Calendario Calendario

Chi è online?
In totale c'è 1 utente in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite

Nessuno

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 86 il Lun 28 Mag - 16:01:04

Breivik si è addestrato con Call of Duty

Andare in basso

Breivik si è addestrato con Call of Duty

Messaggio Da mapez_94 il Ven 25 Mag - 11:18:53

Roma - Nel suo quarto giorno di processo Anders Behring Breivik ha dichiarato di aver perfezionato il suo tiro attraverso Call of Duty Modern Warfare. In particolare, Breivik avrebbe comprato per il gioco un "dispositivo olografico di mira" grazie al quale si sarebbe letteralmente esercitato a colpire i bersagli.

Breivik, 33 anni, è sotto processo per aver commesso quello che viene definito il più sanguinoso attentato in Norvegia dai tempi della Seconda Guerra Mondiale: l'uccisione di 69 ragazzi che si trovavano in un ritiro del partito laburista sull'isola di Utoya e la morte di otto persone in seguito all'esplosione di un'autobomba a Oslo.

Breivik ha affermato che Call of Duty offre una vasta gamma di metodi per imparare a sparare con precisione e che, grazie alla visione olografica, anche "vostra nonna sarebbe diventata una grande tiratrice", in quanto il videogame "è progettato per essere usato da chiunque".

Oltre a Call of Duty, il massacratore di Utoya era anche un appassionato di World of Warcraft, al quale avrebbe dedicato un anno intero della sua vita, tra il 2006 e il 2007, giocando fino a 16 ore al giorno. I pubblici ministeri hanno ipotizzato che la sua ossessione per WOW fosse un segno di instabilità, ma Breivik ha affermato che il videogame "non ha nulla a che fare con il 22 luglio", non è affatto un "gioco violento" e che si trattava semplicemente di un modo per nascondere i suoi intenti fingendo una dipendenza da World of Warcraft.

Si riapre dunque la polemica sui videogame violenti e su quanto possano incidere sui comportamenti umani. L'ultimo caso che mette sotto i riflettori, ancora una volta, Call of Duty arriva dalla Georgia: subito dopo aver giocato al famigerato videogame, un bambino di 12 anni ha sparato e ucciso il suo amico di dieci anni.

Eppure sarebbero circa dieci milioni in tutto il mondo i giocatori di Call of Duty e finora nessuna ricerca ha evidenziato la correlazione tra videogame violenti e criminalità. In compenso, molti studi hanno rilevato che il comportamento antisociale e violento deriva sopratutto da un ambiente familiare problematico e dalla povertà.

Voi che ne pensate? può essere una montatura da parte dei media? o è tutta verità? secondo me è un pò esagerato.
Secondo me in questo stato, i videogiochi vengono troppo visti come una "minaccia", e non come una fonte dalla quale trarre divertimento, e buon senso, certo come trarre buon senso da una saga come Call Of Duty? eppure io la penso così.

mapez Very Happy
avatar
mapez_94

Messaggi : 44
Data d'iscrizione : 24.05.12
Età : 24
Località : Casa mia :D

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum